mercoledì 11 febbraio 2015

Recensione: "Le dodici domande" di Vikas Swarup


« Dopotutto, com'è saltato in mente a uno spiantato di cameriere come me di partecipare a un quiz per cervelloni? Il cervello non rientra nella lista di organi che siamo autorizzati ad usare. Noi dovremmo usare solo le mani e le gambe. »

Si chiama "Vvum", ma potremmo comodamente chiamarlo il "Chi vuol essere milionario" dell'India. Un gioco a quiz, 12 domande separano il concorrente dalla vittoria di un montepremi da capogiro. Non è semplice, ma nemmeno impossibile. C'è chi si affida all'istinto, alla fortuna, alla cultura personale. Ma è l'esperienza di vita che porta il protagonista del libro a partecipare alla corsa verso il migliaio di rupie.

Ram Mohammad Thomas, questo è il suo nome. Un nome singolare per un ragazzo cresciuto nei bassifondi di Mumbai, un nome che racchiude buona parte della sua storia. Non si sarebbe mai aspettato di finire in uno dei più popolari programmi del momento, ma di fronte ad ogni domanda che gli viene posta risponde correttamente, fino alla fine.
Dopo aver vinto Ram viene arrestato; accusato di truffa e raccomandazione. Il destino sembra per l'ennesima volta essergli contro, finché l'avvocato Smita Shah non prende le sue difese. Una donna misteriosa, ma determinata a scagionare l'innocente Ram, il quale inizia a raccontarle la sua avventurosa vita e a giustificare man mano le risposte al quiz.
Da qui vengono delineati i tratti di Salim, migliore amico di sempre, Padre Timothy, la prostituta Nita di cui è follemente innamorato, il crudele Maman. Ripercorre le piccole gioie e i grandi dolori che lo hanno portato a quel punto uno ad uno. 

Vikas Swarup mostra uno dei drammatici spaccati del paese, fatto sì di bellezze uniche ma anche di lotte tra bande e mercanti di bambini. Un libro intenso che ha ispirato il film "The Millionaire", campione d'incassi nel 2010. 

A volte basta essere nel posto giusto al momento sbagliato, fare domande e leggere notizie che apparentemente non farebbero differenza nella vita. Basta una moneta con testa da entrambi i lati come portafortuna e raggiungere i propri obiettivi con convinzione. A quel punto non importerà se si è ricco o povero, musulmano o cattolico, forte o debole. Tutte le ingiustizie subite verranno ripagate e si avrà sempre una scialuppa di salvataggio, come l'aiuto previsto dal quiz. 

0 commenti:

Posta un commento

I commenti sono energia positiva per il blog.

Se hai letto questo articolo e ti va di dirmi la tua opinione, scrivila qui sotto e mi aiuterai a crescere!

Regolamento (circa): La buona educazione è tassativa, nei miei confronti e in quella degli altri lettori. Potete scrivere liberamente la vostra opinione, ma senza sfociare in argomentazioni becere e indecorose.
Rispettate questa semplice norma di buon senso e saremo tutti amici!

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...