sabato 12 ottobre 2019

Review Party: Recensione di: "Le terrificanti avventure di Sabrina: Un amore di strega" di Sarah Rees Brennan




« Eppure, amavo la magia. Amavo la sensazione del potere che mi cresceva nelle vene e l’idea di averne di più. Amavo lo schiocco di un incantesimo andato a buon fine, tanto quanto detestavo l’idea di deludere la mia famiglia. »

"Le Terrificanti Avventure di Sabrina" è una delle serie rivelazione targate Netflix che mi sta più appassionando negli ultimi anni. 
Da bambina ricordo con piacere le mattine in cui trasmettevano in tv "Sabrina vita da strega", ma il mio animo dark ha fatto un balzo alla notizia di una trasposizione ispirata, più oscura e seria.

L'adolescente Sabrina Spellman è alle prime armi con il mondo della magia, ma deve già prendere un'importante decisione che cambierà per sempre la direzione della sua vita: firmare il Libro delle Ombre la notte del suo sedicesimo compleanno, giurare fedeltà al Signore Oscuro ed entrare così nella prestigiosa Accademia delle Arti Occulte. Ma come tutte le ragazze della sua età, anche lei è alle prese con elementi quali l'amicizia, la famiglia e l'amore. Come può rinunciare al suo mondo mortale, per abbandonarsi completamente al mondo che davvero le dicono di spettarle?

In questo breve ma intenso libro, Sarah Rees Brennan racconta ciò che avviene prima di quella notte, ricalcando le tinte macabre e gotiche della serie tv in maniera impeccabile. Ogni personaggio è stato ben studiato e rimane fedele a come si comporta sullo schermo. Non ho potuto fare a meno di impazzire alla presenza del cugino Ambrose, il mio personaggio preferito, così come nelle scene di vita quotidiana di Sabrina, divisa tra luce e oscurità. Un aspetto innovativo possibile grazie ad un'opera letteraria è la possibilità di esplorare con maggiore cura sia l'ambientazione che le sfaccettature dei personaggi, e in questo la scrittrice fornisce un'ottima interpretazione senza cozzare con quello che viene raccontato nella serie, riuscendo a tutti gli effetti ad inserire ciò che ha narrato nel canone della storia di Sabrina Spellman.

"Un amore di strega" è un'introduzione perfetta per chi ancora non conosce l'opera originale, spero vengano pubblicati anche in Italia i libri successivi sempre scritti dalla Brennan. Inoltre, è una lettura perfetta per Ottobre, visto quanto poco manchi a Halloween. La copertina è assolutamente adorabile, richiama molto le tinte del poster promozionale della serie, soprattutto per la rappresentazione del volto di Kiernan Shipka, che incarna meravigliosamente il ruolo della protagonista.



venerdì 11 ottobre 2019

Review Party: Recensione di "Binti" di Nnedi Okorafor




« Preferiamo esplorare l’universo viaggiando verso l’interno, piuttosto che verso l’esterno. »

Binti vive da sempre nella sua tribù, gli Himbi. Ma sente in cuor suo di non appartenere solo al suo popolo, ma di poter fare molto di più per il suo mondo, grazie alle capacità del suo cervello. Infatti, non solo la ragazza ha un innato talento per la logica, ma ogni elemento matematico e scientifico le si palesa letteralmente davanti, come un qualcosa di fisico che vive attorno a lei. Ma la sua famiglia e il suo popolo non comprendono il suo punto di vista, troppo attaccati a convinzioni che non sono al passo con i tempi e soprattutto con i desideri della ragazza. Per questo decide di scappare, verso la nota e prestigiosa università intergalattica di Oomza Uni, variegato pianeta in cui razze di ogni tipo convivono tra loro. Durante il viaggio viene guardata storto per il colore della pelle e i capelli particolari, per l'unguento otjize che le ricopre la pelle, come a proteggerla e a tenerla in contatto con la sua tribù.

Tutto sembra procedere bene, fino a quando non viene attaccata dalle Meduse, che hanno come scopo quello di sterminare gli umani dei Khoush, dopo il furto di un sacro manufatto a loro molto caro. Coloro che sono presenti sulla navetta spaziale vengono sterminati, lasciando Binti completamente in balia di queste creature. La paura iniziale fa a poco a poco posto alla curiosità e all'empatia, verso un popolo tanto diverso quanto incompreso. 

Acclamata da scrittori del calibro di Neil Gaiman e Ursula K. Le Guin, Nnedi Okorafor pare proprio essere una stella nascente nel panorama letterario contemporaneo.

Uno degli aspetti migliori di quest'opera è la creazione di alcune creature sorprendenti, originali ed estremamente interessanti immerse in un'ambientazione a cavallo tra la fantascienza e il fantasy che crea un mix avvincente e che si amalgama perfettamente con l'incredibile eroina presentata.  Binti è un personaggio meraviglioso e ricco di sfaccettature, combattuta tra il bisogno di innovazione e l'attaccamento alle tradizioni della sua famiglia. La decisione di seguire i sogni e le passione le rivoluzionerà l'esistenza in modo del tutto inaspettato, fino a rendere la ricerca di un'ideale giusto e puro la missione imprescindibile. Nonostante l'atmosfera futuristica, le tematiche trattate sono più attuali che mai, come la discriminazione e i pregiudizi nel confronto del cosiddetto "diverso", che non cambia anche applicando il discorso al concetto di universo. Gli elementi riconducibili alla terra africana che conosciamo noi, sono qui racchiusi in una visione molto interessante, che unisce l'antico al moderno, denunciando situazioni e modi di pensare retrogradi ma che sembrano non voler mai sparire.

La lettura scorre velocemente, lo stile di scrittura è travolgente e intenso nonostante la narrazione in prima persona, che è solita rovinarmi il ritmo. Sono presenti molte scene stimolanti che valorizzano la tradizione e la cultura e che fanno riflettere su come determinate capacità possano potenzialmente risolvere le crisi mondiali di cui ogni giorno sentiamo parlare.




giovedì 10 ottobre 2019

Review Party: Recensione di "Il ribelle" di Emma Pomilio



« Che i cavalieri trasportassero pulci e piattole non sminuiva la sua impresa, anzi lo rendeva molto orgoglioso, non perché fosse stato tanto difficile organizzarli, ma perché quei cavalieri, per natura dotati e intelligenti e poco inclini a obbedire senza un buon motivo, lo avevano riconosciuto come loro capo, gli avevano concesso fiducia e obbedito. »

Ho sempre amato la storia. Ma chi mi conosce, sa che questo non si direbbe. Questo perché ai tempi della scuola, Storia è sempre stata una materia che mi ha messo in difficoltà e che per quanto mi sia interessata e appassionata a diverse epoche, a livello di voti non è mai stato l'ambito più eccelso.

Quando si pensa alla storia antica, specie per quella italiana, è inevitabile pensare alla Fondazione di Roma e alla leggenda di Romolo e Remo, un racconto affascinante e in qualche modo avvolto nel mistero.

"Il ribelle" approfondisce proprio questo aspetto in particolare, attraverso gli occhi del misterioso Larth, che dopo una serie di peripezie si troverà a stretto contatto con i due gemelli allevati, si dice, da una lupa. Freddo e calcolatore, l'uomo osserva il mondo e gli avvenimenti attorno a sé, alla ricerca di colui che può essere degno di diventare un grande re. I caratteri di Romolo e Remo spiccano ben presto, valorizzando la nobiltà d'animo del primo e l'aggressività del secondo.

Non è un romanzo narrativo come gli altri, ma piuttosto una sorta di documentario volto a mostrare le origini di Roma, in modo storicamente dettagliato e attendibile, grazie alla cura e all'impegno di Emma Pomilio. Per questo, ritengo che non sia una lettura scorrevole e anzi, spesso ci si sofferma su fatti che possono rallentare di gran lunga il ritmo. Di certo incuriosisce e instilla nel lettore il desiderio di documentarsi maggiormente sul periodo storico.

Non posso certo dire che sia ai livelli delle opere del più esperto Manfredi, ma di certo anche il contributo di Emma Pomilio è fondamentale per la collana Historica della Mondadori.




mercoledì 9 ottobre 2019

Review Party: Recensione di "Vola via" di Kristin Hannah




« Ha provato ad andare avanti da sola. Ci ha provato sul serio. Ci sta ancora provando, a modo suo. Ma a volte nella vita c’è una persona che ti sostiene, che ti aiuta a reggerti in piedi, e senza quella mano a cui aggrapparti, ti ritrovi in caduta libera. Non conta quanto tu sia stata forte in passato, quanto ti impegni per mantenere l’equilibrio. »

Tully e Kate sono legate da una profonda amicizia fin dalla giovinezza. Hanno condiviso tutto, sia i momenti di gioia che quelli di dolore. Ma la notizia del tumore di Kate sfonda la loro bolla in maniera inaspettata e disorientante. Potrà la loro unione superare questo enorme male?

Grazie anche alla figlia di Kate, Marah, e ad altre incredibili donne, si andrà alla ricerca della forza di affrontare la vita, che spesso non può emergere se non attraverso i legami affettivi che non abbandonano di fronte ad alcuna difficoltà.

Ogni personaggio deve fare i conti con il dolore, specchiandosi e mettendo a nudo i propri sentimenti, ammettendo debolezze e cattivi pensieri, svuotandosi infine di tutto ciò che trasmette negatività.

Un romanzo emozionalmente complesso e straziante sull'amore, la maternità, la perdita e i nuovi inizi, "Vola via" ci ricorda che dove c'è vita, c'è speranza e dove c'è amore, c'è perdono. Kristin Hannah ha una prosa potente ed illuminante, questa ennesima opera ne è la prova. 

Spesso è davvero difficile proseguire con la lettura, ma solo per l'intensità delle emozioni provate, che vogliono uscire tutte insieme, come se dovessero far esplodere cuore e mente. Vengono trattate tematiche a me molto care, con cui spesso non riesco ad essere in pace e finisco per tormentarmi, fino a sentirmi soffocare. Perché la sensazione più prorompente è di solito l'impotenza, il sentirsi inutile e incapaci di fronte a qualcosa che non si può combattere dall'esterno. 

Questo libro però ha una funzione liberatoria, con cui si può trovare una valvola di sfogo e ispirazione per la propria vita.



martedì 8 ottobre 2019

Review Party: Recensione di "Ti regalo le stelle" di Jojo Moyes




« Stava rivestendo le pareti della biblioteca con dei ruvidi ripiani di legno di pino sotto i quali c’erano degli scatoloni di libri in attesa di essere sistemati. Una parete era già tappezzata di diversi volumi ordinatamente etichettati, e una pila in un angolo suggeriva che alcuni erano già stati restituiti. A differenza di casa Van Cleve, questo piccolo edificio era animato dal fermo proposito di diventare qualcosa di utile. »

Alla ricerca di una via d'uscita dalla vita passata in Inghilterra, Alice Wright sposa d'impulso l'affascinante Bennett Van Cleve e insieme si trasferiscono a Baileyville nel Kentucky.
Ben presto però si rende conto che questa scelta serve a ben poco: la donna viene soffocata non solo dall'atteggiamento del suocero ma anche dai commenti del marito sul modo in cui vuole condurre la sua vita. Quando sta per cedere, si imbatte in Margery O’Hare e nel programma di alfabetizzazione e cultura che sta portando avanti Eleanor Roosvelt negli anni '30. Da quel momento, diventare volontaria per portare i libri in ogni dove si trasforma nel suo pensiero principale, affrontando le sfide del tempo e degli uomini che circondano lei e le sue compagne.

Basando il suo romanzo su una storia vera, Jojo Moyes crea la storia di un'epoca non sempre ben ricordata. I personaggi che ruotano attorno ad Alice sono ben definiti e sfaccettati; nonostante abbiano origini diverse, il loro impegno nell'aiutare la gente di Baileyville le unisce fortificandole. Le descrizioni dei paesaggi, in continuo contrasto tra abbondanza e povertà, delineano una società altrettanto contrastante e obsoleta, soprattutto per il modo di pensare generale che tende ad andare incontro ad un miglioramento. La missione di queste coraggiose donne di diffondere nel mondo l'amore per la lettura e la cultura è qualcosa che tutt'ora risulta splendido e assolutamente lodevole, ma che purtroppo non sempre è stato visto così, a causa del bigottismo e dell'ignoranza. 

La disapprovazione è il vero nemico, una sfida molto più grossa delle intemperie o delle fatiche del viaggio. Per Alice questo sembra non avere importanza all'inizio, troppo impegnata a pensare a come animare le sue giornate. Ma presto si rende conto non solo della sua condizione ma anche di tutte le altre donne ed è disposta a rischiare tutto per il bene di questa iniziativa.

Il tutto con l'infallibile narrazione di Jojo Moyes, che da anni sa emozionare e continua a farlo.

"Ti regalo le stelle" è un inno al potere dei libri, all'amicizia e alla figura della donna, che non può mai dare davvero per scontata la propria identità in alcuna società e in alcuna epoca.


lunedì 7 ottobre 2019

Blog Tour: "Sei di Corvi" di Leigh Bardugo - Tappa Undici: Differenze di traduzione




Chi la conosceva già ha sofferto una lunga attesa, chi ancora non sa nulla può finalmente godere di qualcosa di meritevole.

Una cosa è certa: il Grishaverse di Leigh Bardugo è finalmente tornato in Italia grazie alla casa editrice Mondadori! Ci troviamo di fronte alla duologia di "Sei di Corvi", la seconda saga ambientata in questo oscuro e pittoresco mondo che, se possibile, batte in qualità perfino la prima trilogia, iniziata con "Tenebre e Ghiaccio". Ma non voglio svelare troppo, quanto parlare brevemente della traduzione italiana.

Il livello di lingua per quanto concerne la versione inglese è dai più considerato medio-alto, per quanto piacevole e assolutamente scorrevole. La traduzione italiana è pertanto una grossa fortuna per tutti coloro che non hanno la possibilità di recuperare l'opera in originale e posso assicurarvi che non è affatto da meno. Anche in questo caso, grazie al minuzioso impegno di Fabio Paracchini e Lorenza Pellegri, ci troviamo di fronte ad un'esperienza di lettura fluida, intrigante ed emotivamente coinvolgente.

Le variazioni specifiche sul testo sono davvero minime e a mio parere poco rilevanti nell'insieme. Questo perché il lavoro svolto per quanto riguarda i cambiamenti è prettamente letterale. I nomi dei paesi e delle nazioni non variano, cambiano solo alcune cose particolari, come il nome del quartiere del piacere di Ketterdam, che da Barrel diventa Barile.

I nomi degli Ordini in cui i soldati Grisha sono suddivisi rimangono rispettivamente Corporalki, Etherealki e Materialki, a cambiare sono, e non di tutti, le traduzioni dei poteri che li caratterizzano: gli Heartrenders diventano gli Spaccacuori, gli Healers i Guaritori, gli Squallers i Chiamatempeste, i Tidemakers gli Scuotiacque e i Durasts i Tempratori.

Altri esempi di nomi più specifici sono per esempio il soprannome di Kaz Brekker, che da Dirty Hands diventa Manisporche. Lo stesso succede per Inej, che viene additata come "Lo Spettro", anziché The Wrath. Anche il gruppo di cui fanno parte Kaz e Inej cambia nome, passando da Dregs a Scarti.

Come potete notare, non c'è nulla di troppo drastico. Ovviamente quale parola abbia una migliore musicalità è una cosa puramente soggettiva. Personalmente non ho trovato stonature, ogni parola si incastra alla perfezione nel testo senza far storcere il naso. Come già era successo per "Tenebre e Ghiaccio", anche qui fortunatamente i termini ispirati alla lingua russa, che è una delle caratteristiche più interessanti, sono stati mantenuti senza tagli o cambi.

Spero che questa breve analisi possa essere stata utile, se l'indecisione nel recuperare "Sei di Corvi" sta nella resa della traduzione non c'è nulla da temere in quanto è davvero molto fedele all'originale.

Concordate o trovate discrepanze?  Fatemi sapere cosa ne pensate e  non dimenticate di continuare a seguire il Blog Tour per sapere ancora di più sul Grishaverse.





venerdì 4 ottobre 2019

Review party: Recensione della “Trilogia dei Pirati” di Valerio Evangelisti





« "Terra in vista!". Qualche istante più tardi tutti poterono scorgere il profilo piatto della Isla Mujeres e la lunga spiaggia bianca che la delimitava a settentrione. Rogério trattenne il fiato. Era giunto il momento più difficile della sua avventura.  »

Anno 1685. Il portoghese Rogério naviga a bordo della sua nave fino a quando non viene attaccato da una flotta nemica. Si tratta del pirata Laurent de Graff, detto Lorencillo, temibile criminale che in breve prende il comando. Per avere salva la vita, Rogério si unisce alla banda di de Graff, nella speranza di poter scampare ad un tragico destino.

Quando si parla di pirati, è automatico andare a pensare a opere come la saga di Pirati dei Caraibi, o L'isola del tesoro, Il corsaro nero e tutte le altre storie che possono venirvi in mente. Le avventure che questi lupi di mare affrontano sono avvincenti, emozionanti e molto pericolose. C'è chi ne valorizza il divertimento, chi il dramma, chi ancora la bontà d'animo, perché dietro a grandi imprese spesso si nascondono valorosi obiettivi.

In una delle sue serie più note, Valerio Evangelisti esplora la figura del pirata in un contesto storico realmente esistito, citando fatti o persone che definiscono nel loro insieme l'epoca in cui sono accaduti e hanno vissuto. L'autore si sofferma sulle usanze del tempo e sugli assetti politici, che hanno un impatto notevole sulla lettura. Le descrizioni delle battaglie o delle torture effettuate sono crude e spietate, in contrapposizione all'amore e all'amicizia che sprigionano un calore che infonde entusiasmo e serenità. Lo stile di scrittura è scorrevole e incisivo, arriva dritto al punto trasmettendo i messaggi senza fraintendimenti. Non per questo trovo sia una trilogia adatta a tutti, soprattutto a chi non ama le scene violenti. Dal canto mio posso dire di aver sempre apprezzato la crudezza e sono contenta di aver finalmente potuto recuperare come si deve una storia che da tanto avevo in wishlist.

La consiglio a tutti coloro che sono desiderosi di avventure, che non si tirano indietro di fronte ai pericoli e all'occasione di azzuffarsi, agli amanti dei tesori e delle canzoni da bettole.







giovedì 3 ottobre 2019

Review Party: Recensione di "Evil" di V. E. Schwab



« Non provava paura, ma sapeva che non c’era da fidarsi della paura, e di certo neanche dell’assenza di paura.  »

Non è facile convivere con poteri sovrannaturali, soprattutto quando questi non sono stati scelti, ma imposti contro la propria volontà. Questo è ciò che capita a Victor e Eliot, che si ritrovano ad avere a che fare con gli ExtraOrdinari per una tesi, fino a perdere il controllo sulla concatenazione di eventi che la loro ricerca causa. Dopo dieci anni tutto è cambiato: i due si rincontrano in un'occasione apparentemente casuale, su fronti opposti, alla ricerca di vendetta di uno verso l'altro.

Il punto di forza di "Evil" è far riflettere il lettore su cosa è giusto e sbagliato, sulle azioni eticamente corrette o meno e sulle intenzioni che spingono ad agire in un certo modo. Non esistono eroi, ma nemmeno completamente cattivi. Per svelare questo, la Schwab presenta i suoi personaggi attraverso il tempo, in un continuo scambio tra giovinezza e età adulta, che svela non solo il carattere forgiato ma anche gli avvenimenti che hanno portato al cambiamento. Il tempo scorre, così come la lettura, freneticamente, aumentando l'effetto avvincente che nel complesso ha la storia.

Non sapevo davvero cosa aspettarmi da questo libro, ma in una cosa ha fatto sicuramente centro: sorprendermi! Ho amato l'atmosfera cupa e gotica, il susseguirsi dei fatti e i personaggi. Victor e Eli sono un'accoppiata che ho apprezzato tantissimo, perché sono in continua contrapposizione, ma al tempo stesso uniti da un obiettivo sempre più comune.

Spero di potermi innamorare perdutamente di questa storia con il seguito, che ovviamente aspetto con ansia!





mercoledì 2 ottobre 2019

Segnalazione: "Delicato è l'equilibrio" di Alice Chimera


Ebbene sì! Finalmente Alice Chimera torna per conquistare le librerie d'Italia (e non solo, si spera!). Sono davvero molto emozionata di potervi presentare il suo romanzo "Delicato è l'equilibrio", pubblicato da La Ponga Edizioni e che uscirà ufficialmente il 21 ottobre.

Per i fortunati che il 12 e il 13 ottobre saranno presenti a Stranimondi ci sarà l'occasione di poter acquistare il libro in anteprima. (Preparate la mia copia!)

Un grandissimo in bocca al lupo per questo nuovo traguardo, che dopo "Infelici e Scontenti" (qui la mia recensione) sono certa che non mi deluderà affatto!


Autore: Alice Chimera 
Titolo: Delicato è l’equilibrio 
ISBN: 9788897823810 
Data di pubblicazione: 21 Ottobre 2019 
Pagine: 362 
Prezzo Cartaceo: 16.90€ 
Prezzo Ebook: 4.49€ 
Editore: La Ponga Edizioni
Collana: Tanto è Fantasy 



Sinossi: L'Equilbrio è la legge, il meccanismo che fa funzionare la realtà, grazie a un complesso sistema di pesi e contrappesi le cui regole sono scritte nell'essenza stessa delle cose. Ma l'Equilibrio è delicato, e basta poco a comprometterlo. Nina lo sa, perché è una lucubrante, una persona molto speciale, come ce ne sono poche al mondo, incaricata di preservarlo a ogni costo, facendo in modo che il conto dei vivi e dei morti continui a torna- re, mentre aiuta le anime dei trapassati ad accettare il loro destino. Nina però è stanca, e cerca qualcuno che prenda il suo posto. Questa persona è Laura, una giovane lucubrante a malapena consapevole della sua natura, e del tutto ignara delle minacce che si profilano sul suo cammino. 

L’autore: Nata a Brescia nel 1986, vive nella provincia monzese. Ha iniziato a leggere e scrivere per affrontare la sua dislessia quando aveva sedici anni, ora non può fare a meno di libri e fogli bianchi su cui dare forma alle sue storie. Lavora a tempo pieno, scrive nella pausa pranzo e nelle notti che passa insonni, cerca l’ispirazione camminando per i cimiteri o le gallerie dei musei. Si dedica anche al suo blog “I libri della Chimera” in cui racconta le sue letture e la sua visione del mondo letterario. Ha esordito nel 2016 con la raccolta di racconti horror “Infelici e Scontenti”. “Delicato è l'equilibrio” è il suo primo romanzo. 

Estratti: 

Non è una questione di verità taciute o di cospirazione cosmica. Noi nascondiamo quello che siamo alle persone normali perché è l’unico modo per mantenere l’Equilibrio. 

Sono una persona molto complicata. La vita è stata ingiusta, non so se la mia quota sia più alta o bassa di quella altrui, ma sento il peso di mille punizioni che forse non mi sono mai meritata. Non so se sono egoista, egocentrica o se semplicemente non sono fatta per il mondo, ma la cosa certa è che essere una lucubrante non mi ha mai aiutato. 

Devi sapere che nel nostro mondo tutto è regolato dall’Equilibrio: gli uomini pensano di avere il libero arbitrio, ma in realtà ci sono leggi che incasellano e riequilibrano tutto. 




giovedì 26 settembre 2019

Review Party: Recensione di "Il ladro di tatuaggi" di Alison Belsham




« Nessun tatuatore è perfetto. Tutti prima o poi commettono un errore. E Marni Mullins non faceva certo eccezione. Il problema era che un errore, nel caso di un tatuaggio, è permanente.  »

"Il Tatuatore" è stato uno dei thriller migliori letti l'anno scorso. Quest'anno, Alison Belsham ci propone un sequel del tutto inaspettato: "Il ladro di tatuaggi".

Tornano le vicende di Marni e Sullivan, alle prese con un nuovo killer, che fa riaffiorare alla mente ciò che è successo un anno prima. Ora però, Marni è ancora più coinvolta, in quanto il figlio Alex viene accusato di aver ucciso la fidanzata.

Diversi particolari collegabili ai tatuaggi fanno nascere la certezza che qualcosa di oscuro sia tornato ancora una volta a colpire.

Sono davvero felice di poter assaporare ancora una volta le atmosfere inquietanti ben orchestrate dalla scrittrice. "Il ladro di tatuaggi" non è da meno rispetto al suo predecessore, risultando una lettura piacevole e avvincente. Ancora una volta è interessante indagare insieme ai protagonisti, che pur consapevoli di brancolare non perdono la forza per consegnare alla giustizia l'ennesimo criminale. Inoltre, è interessante svelare i significati dei tatuaggi nella storia, come un libro all'interno di un altro libro. Quello dell'inchiostro sulla pelle è un mondo a me tanto sconosciuto quanto affascinante, ma sicuramente come elemento di un thriller confermo di trovarlo davvero azzeccato.

Sono curiosa di scoprire cos'altro avrà in serbo Alison per il futuro. Spero annuncino presto una nuova opera.



mercoledì 25 settembre 2019

Review Party: Recensione di "Ami" di Edoardo Erba



« "Questa è storia" ha detto un signore del bar coi baffi e gli occhiali. E io ho pensato che forse quando c’era la storia, quando arrivava la storia, tutti si volevano più bene. Ma non perché si innamoravano o cose del genere. Era solo perché la storia quando arriva è come un mostro e fa paura.  »

Amina è poco più che una bambina, eppure con i suoi quattordici anni sente già di poter essere un'adulta. Per questo è convinta di sapere tutto della vita, soprattutto dell'amore, da cui viene stravolta. Il ragazzo che le allieta le giornate prende possesso delle sue convinzioni, fino a farle prendere la drastica scelta di abbandonare tutto per seguire lui.

Ma Ami non può ancora sapere che dove l'amore semina, purtroppo la crudeltà brucia. Così, dopo una notte di sentimenti fasulli, la ragazza si ritrova da sola, lontana da casa, in attesa di un figlio. Da qui, comprende davvero il significato di essere adulta e del peso della responsabilità, soprattutto quando c'è un'altra vita a dipendere da lei. Venduta, sfruttata, in continua fuga. In viaggio da un paese all'altro, nella speranza di trovare la pace e poter finalmente restare in un luogo degno di essere definito casa.

Edoardo Erba è al suo esordio letterario, eppure "Ami" trasuda una maturità di scrittura davvero spaventosa. Non è facile digerire molte delle situazioni che la protagonista deve affrontare, spesso fanno male perfino fisicamente, molte altre ancora è l'imbarazzo che fa davvero soffrire. Imbarazzo per vicende che non è così insolito sentire alla televisione, sommerse da commenti negativi che distruggono l'essere umano e lo condannano a una vita di pregiudizi e accuse, prima di arrivare alla morte. "Ami" vuole fare chiarezza sul significato di essere una persona, con scelte giuste e sbagliate alle spalle, che cerca solo un modo per riscattarsi e gridare al mondo che anche lei è viva ed è QUI, esattamente come tutti coloro che fanno finta di non comprenderla.

Il romanzo scorre piacevolmente, imprimendo nel lettore emozioni e riflessioni che rimangono. Sarebbe bello se "Ami" rappresentasse un motivo di dibattito costruttivo, per riscoprire in sé la propria Amina nascosta e spesso dimenticata.

Una lettura consigliata e più che mai necessaria per il tempo in cui viviamo. Prima che diventi storia e quindi passi, prima che sia troppo tardi.




martedì 24 settembre 2019

Review Party: Recensione di "Il re malvagio" di Holly Black



« Devi essere abbastanza forte da colpire e colpire e colpire ancora senza stancarti. La prima lezione è acquisire quella forza. Farà male. Il dolore fortifica. »

Tornano le vicende di Jude Duarte nell'oscuro mondo fatato creato dalla meravigliosa Holly Black.

"Il re malvagio" ha rafforzato l'opinione positiva che già avevo del personaggio di Jude. Liberatasi dalle catene dell'essere una semplice preda, ora afferra saldamente le redini del suo destino diventando padrone e, a sua volta, predatrice. Potere e politica sono elementi che si rincorrono e si scontrano a ogni capitolo, facendo ricadere le conseguenze sulle persone amate. Il desiderio di proteggere la sua famiglia diventa il fulcro del suo potere, che mai come adesso è un tema centrale della trilogia. Un controllo così grande, però, può portare a danneggiare sé stessi: la volontà di proteggere gli altri può forse trasformarti in un essere che brama per sé il potere? Jude si ritroverà faccia a faccia con sfide e prove che metteranno a repentaglio i suoi obiettivi.

Senza contare il rapporto tra lei e Cardan, che sembra sempre più vacillare sotto il peso degli eventi, fino a rompersi, ricomporsi, perdersi e ritrovarsi. Non si può fare a meno di emozionarsi di fronte anche agli altri personaggi, come Madoc, o le sorelle Taryn e Vivian. Gradualmente, ognuno cerca di emergere, sgomitando con egoismo, per mostrare una nuova versione di sé stessi.

L'immaginazione e il talento di Holly Black si mostrano ancora una volta in una sua opera, dalla trama intrigante allo stile scorrevole e coinvolgente. Non si smentisce affatto, e porta avanti il suo mondo oscuro popolato da creature tanto affascinanti quanto crudeli, risucchiando il lettore in un vortice oscuro e terrorizzante da cui si può uscire solo arrivando all'ultima pagina. 

L'attesa per il prossimo libro è, se possibile, ancora più snervante di quanto non sia stata per l'uscita di "Il re malvagio". Ringraziando la Mondadori per aver creduto ancora una volta nella Black, ora si attende con trepidazione l'uscita di "Queen of nothing".







venerdì 20 settembre 2019

Review Party: Recensione di "La bambina del lago" di Loriano e Sabina Macchiavelli



« Un’altra attività occupa il suo tempo: la scrittura. È meno assidua della lettura e si limita alla stesura di appunti che mai riprenderà per ampliarli e dar loro la forma di un romanzo o saggio. Lo sa, eppure non riesce a fare a meno di trasformare in scrittura pensieri, ipotesi, sogni, fantasie e in genere tutto ciò che nasce, si sviluppa, e spesso muore, nella sua mente. »

Questa è la storia di delicati quanto reali avvenimenti. Ha origine, come spesso capita, dalla nascita di un figlio e da una delle decisioni più importanti in merito: scegliere il nome perfetto. Gialdiffa e Astorre amano le favole e ne rimembrano di tanto in tanto i passi. L'illuminazione data da Le mille e una notte, li porta a chiamare la loro piccola in un modo particolarmente curioso: Aladina.

La bambina cresce con la meraviglia del mondo negli occhi. Ma la scomparsa prematura della madre, porta lei e il papà a Paese Nuovo, sugli Appennini. Qui non c'è anima che non abbia conosciuto Gialdiffa, tutti sono così pronti ad accogliere la famiglia distrutta dalla perdita e a rivedere in Aladina qualcosa della donna. Per la bambina non è affatto facile affrontare il dolore e il cambiamento. Si sente inadatta a ogni situazione, fuori luogo in mezzo a persone che non conosce e che pensano di conoscerla. 

Ad andarle in salvo sarà qualcosa di incredibile e inaspettato: la foresta e i suoi abitanti le parlano e la comprendono, come ormai da tempo non sentiva. Leggenda, tradizione, realtà si mischiano in un connubio mistico e a tratti magico verso la ricerca della serenità e del futuro.

In "La bambina del lago" ho trovato una freschezza e spensieratezza che da tempo non vedevo in un libro. Le introduzioni ai capitoli e le descrizioni delle scene mi hanno ricordato in qualche modo la leggerezza e la spontaneità che spesso hanno caratterizzato i racconti di Italo Calvino, che con semplicità veicola dei messaggi molto potenti. Loriano e Sabina fanno esattamente questo: attraverso gli occhi dell'innocenza affrontano tematiche positive e negative che descrivono il ciclo di una vita, arricchendola di esperienze e lezioni che colpiscono il lettore, lasciandolo riflettere a ogni capitolo e così, fino al finale.

Esistono tanti libri che trattano argomenti legati all'infanzia, l'adolescenza e i traumi che possono intaccare la crescita. Sicuramente "La bambina del lago" rappresenta un tassello prezioso e meritevole per parlare di questi temi in un modo originale e piacevole.




giovedì 19 settembre 2019

Review Party: Recensione di "La corte di ali e rovina" di Sarah J. Maas




« Stavo lavorando sul modo in cui la luce solare illuminava le venature delicate di un petalo di rosa, tentando di non pensare che una volta avevo visto la stessa immagine su un paio di ali Illyrian, quando la porta si aprì. Finsi di sembrare concentrata sulla pittura, ingobbendo un po’ le spalle, inclinando la testa. E recitai ancora meglio quando mi voltai lentamente, come se mi sforzassi sul serio di staccarmi dal quadro. Ma la vera lotta fu costringere la mia bocca a sorridere. Mi convinsi di sembrare sincera. Mi ero esercitata allo specchio. Di continuo. »

"La corte di Ali e Rovina" mette fine alla storia di Feyre, a cavallo tra mortali e Fae, divisa tra fedeltà e amore. Sarah J. Maas ci ha incatenato ha sé con vicende frenetiche e sentimenti intensi e contrastanti. L'avvicendarsi dei fatti che sconvolgono la vita della ragazza determinano non solo il suo cambiamento verso una nuova consapevolezza di sé e maturità, ma anche per un nuovo destino che caratterizza l'intera realtà in cui lei vive. Tutto questo senza badare a spese sui colpi di scena, che si susseguono uno dopo l'altro senza dare tregua, senza possibilità di scampo. Feyre non è mai stata una donna fragile, ma mai come adesso sprigiona una forza invidiabile, quasi spaventosa. Tamlin, Rhysand e tutti gli altri personaggi che ruotano attorno a lei, schierati da una parte piuttosto che l'altra, accrescono maggiormente il suo spirito selvaggio e indipendente, che sia per azioni volte a danneggiarla piuttosto che sostenerla.
Il terzo libro non ha nulla da invidiare ai suoi predecessori, in un modo originale è in grado di trasmettere emozioni positive e negative, in un modo crudelmente genuino, che fa pensare automaticamente che l'epilogo non poteva essere altro che quello descritto.

La trilogia di ACOTAR è perfetta per farsi un'idea del talento di Sarah J. Maas. Da oggi abbiamo la fortuna, grazie a Mondadori, di poter godere della serie completa e ben schierata in tutto il suo splendore nelle nostre librerie. Le copertine non sono forse una meraviglia? Ogni volta che le guardo mi commuovo spudoratamente!



martedì 17 settembre 2019

Review Party: Recensione di "L'ospite indesiderato" di Shari Lapena



« Riley comincia a provare una familiare sensazione di panico, e per un attimo chiude gli occhi e fa un respiro profondo, sforzandosi di non perdere il controllo. Riapre gli occhi. Ora sono tutti nella stanza, ignorando le istruzioni di David di restare indietro. Per un attimo fugace, si chiede chi manterrà l’ordine adesso. Sa quanto in fretta può precipitare una situazione: l’ha visto succedere. »

Una vacanza fuori porta, uno chalet e una foresta e la certezza di poter trovare un po' di pace. Queste almeno sono le aspettative degli alloggianti che giungono presso Catskill and Mitchell’s Inn, che da perfetti sconosciuti si troveranno ad interagire a causa del peggiore degli imprevisti: un omicidio, che porta a una morte all'altra, in un'inquietante scommessa a chi sarà il successivo.

Non solo ci si ritrova a fare i conti con i tormenti che li hanno condotti fino a lì, ma anche con i tormenti che l'aguzzino fa scaturire con il suo gioco del gatto con il topo. Vincerà lui o l'avvocato David Paley, pronto ad andare fino in fondo alla faccenda e trovare la salvezza?

Shari Lapena ha l'incredibile talento di riuscire a lasciare sul filo del rasoio i suoi lettori. La tensione che riesce a incutere è intensa e al limite del terrore. Con le sue storie è in grado di mettere in discussione le scelte e i comportamenti umani, creando un dibattito interiore che mette in conflitto ragione e sentimenti. Nulla è mai come sembra, sia per quanto riguarda i luoghi che per i personaggi.  La psicologia è un elemento molto importante nella narrazione, perché contribuisce a dare un significato maggiore alle decisioni prese e ai fatti che ne conseguono. La ricchezza dei particolari e il susseguirsi delle azioni rendono la lettura scorrevole, frenetica e ipnotica. Si vuole solo venire a capo di tutto, senza però sapere come ragionarci su. 

Un thriller davvero ben realizzato e assolutamente consigliato. Questa è la prima volta che ho il piacere di leggere un libro di questa scrittrice e ora non vedo l'ora di avere l'occasione di approcciarmi a tutti gli altri già editi!



lunedì 16 settembre 2019

Blog Tour: "La corte di ali e rovina" di Sarah J. Maas - Worldbuilding


Come ormai ben saprete, la serie di Acotar di Sarah J. Maas è un retelling di una delle favole più note, ovvero quella de La Bella e la Bestia.
Ma se c'è una cosa che davvero mi fa impazzire, e che non mi fa pensare ad una semplice rivisitazione è l'originalità dell'ambientazione creata dalla scrittrice, a cavallo tra un mondo oscuro, ferito e rovinato da antichi conflitti e uno magico, variopinto e affascinante.



Prima del Trattato che sancì la divisione 500 anni orsono, mortali e Fae vivevano in armonia, senza necessità di stabilire tra loro dei confini territoriali. Prythian, il Regno dei Fae, è diviso a sua volta, oltre che da Hybern, isola indipendente, da sette corti: quelle caratterizzate dalle quattro stagioni più tre, quella dell'Alba, del Giorno e della Notte. Il territorio di queste creature è molto vasto, lasciando ai mortali sono una piccola porzione di isola situata a sud.


Se il mondo dei Fae è caratterizzato da opulenza e ricchezze di ogni sorta, il regno dei Mortali è povero e sempre più in decadimento. La vita è ogni giorno un'ardua impresa e soprattutto è difficoltoso procurarsi sia i soldi che il cibo, sempre più scarseggiante. Anche chi ha vissuto una quotidianità agiata è costretto a sacrificare tutto per il proprio sostentamento.
Una caratteristica fondamentale del Regno dei Mortali è la vasta foresta che li separa dal Muro: il confine che li protegge dal Regno dei Fae. Sembra però che rappresenti una sorta di zona franca, in cui è possibile trovare sia mortali che Fae.

È qui che la storia di Feyre ha inizio, con l'incontro con colui che rappresenterà la sua condanna e il conseguente allontanamento dai suoi cari verso la Corte di Primavera. S'imbatterà in climi e atmosfere totalmente differenti tra loro, come se davvero si trovasse in una nuova dimensione e non ad un Muro di distanza da casa. Avere a che fare con le Corti come i mortali non facevano da secoli rappresenta un trauma dalle sfaccettature imprevedibili, difficile anche da raccontare a chi, per sua fortuna, non l'ha vissuto sulla propria pelle. La bellezza, si sa, può racchiudere orrori che intrappolano in una prigione dorata dandoti l'illusione della salvezza, ma senza fartela afferrare davvero.








Blog Tour: "Andate tutti affanculo" dei The Zen Circus - Presentazione e estratti




Chi è nato tra gli anno '80 e '90, avrà sicuramente sentito qualche canzone dei Zen Circus, che a distanza di diversi anni continuano ad emozionare folle di fan con il loro sound rock e assolutamente riconoscibile. Da settembre possiamo conoscere maggiormente il gruppo italiano attraverso questa autobiografia, "Andate tutti affanculo", che riprende in tutto e per tutto l'abum del 2009, uno dei più emblematici della loro carriera, sia come titolo che come riferimento alla copertina. Di seguito, qualche informazione basilare e qualche breve e interessante estratto.

Continuate a seguire il blog tour per scoprire maggiori curiosità in merito!

Titolo: Andate tutti affanculo
Prezzo: €19
Editore: Mondadori
Genere: Biografia
Pagine: 321
Formato: Brossura
Lingua: Italiano
Data di pubblicazione: 10/09/2019
Trama:

Questo è un romanzo anti-biografico. Appino, Ufo e Karim - voce, chitarra e batteria degli Zen Circus - prestano i nomi e la vita a una storia che potrebbe essere una delle loro canzoni. Realtà e finzione si rincorrono in questo rocambolesco romanzo che racconta la nascita di una famiglia disfunzionale, quella di un gruppo di ragazzi che attraverso la musica cercano di definire se stessi, e la generazione di vecchi senza esperienza dalla quale vogliono fuggire. Dal primo concerto durante un'occupazione scolastica al primo tour, fatto di viaggi in camper e notti sotto le stelle a smaltire le sbronze; dalle canzoni scribacchiate durante le seghe da scuola al primo album vero e proprio; dai primi innamoramenti ai primi scottanti abbandoni; dalle prime amicizie fraterne alle bugie capaci di farle vacillare. Sullo sfondo di questa storia di prime volte ci sono un'Italia a cavallo fra due millenni - gli anni Novanta del berlusconismo e delle controculture, gli anni Zero del G8 di Genova e dell'11 settembre - e una provincia che, con i suoi lavori mal pagati, le sue famiglie scoppiate e le sue "ragazze eroina", crea dipendenza, frustrazione e rabbia. Ma anche un amore cieco e disperato per la libertà.

Estratti:

1.
Corri, corri, corri!
E lui corre, cazzo se corre, sudato e scomposto come Marco Tardelli, con il torace in fuori e la fronte in alto. Peccato che all’ultima curva prima dell’uscita scivoli e vada a sbattere la spalla contro la porta del laboratorio di stenografia. Il dolore gli mozza il respiro e crolla a terra. Di lì a poco gli saranno addosso comunque, allora perché non farla finita e restarsene accasciato a riprendere fiato, chiudere gli occhi e aspettare l’inevitabile? Perché mancano solo dieci passi, forse meno, pochi metri e volerà sulle scale, giù in strada, verso il suo Piaggio Bravo parcheggiato sul marciapiede, e sfreccerà lungo le vie del centro di Pisa, via Garibaldi, Lungarno Buozzi, il Palazzo dei congressi e il viale alberato delle Piagge a un passo da casa, lui e il suo motorino scassato, con il sole in faccia, gli occhi sottili come un esploratore dei ghiacci e il sorriso di chi è sopravvissuto per un altro giorno all’inferno della prima superiore.
2. 

Sono passate due settimane, e di Belardi e Gallorini nessuno ha più saputo nulla. In città si parla soltanto dell’allerta meteo, dell’ingrossamento dell’Arno e della possibile chiusura dei ponti. Le acque hanno raggiunto gli argini e la protezione civile ha costruito delle paratie supplementari impilando centinaia di sacchi di sabbia. I vecchi dicono che non sarà l’alluvione del ’66, ma sintetizzano la situazione con un motto popolare: “Meglio ave’ paura che buscanne”. Meglio avere paura che prenderle. Come dargli torto.

3. 

L’occupazione durerà una settimana, con i dibattiti concentrati nei primi giorni e i concerti e gli innamoramenti negli ultimi. Suonano nel cortile, vestiti da donne. Perché? Per imitare i Nirvana? Può darsi, ma non solo. Vogliono distinguersi, fare qualcosa che non è mai stata fatta prima tra quelle mura. Li chiamano idioti, teste di merda, froci, ma loro se ne fregano. È assurdo che se ne accorgano solo quella sera, salendo sul palco, ma non si sono ancora dati un nome. «La filosofia zen dice che il Nirvana è lo stato di liberazione dell’io» butta lì il Belardi, accordando la sua chitarra. Gli altri lo guardano storto, pensando che sia impazzito. «Ci piacciono i Nirvana. Perché non ci chiamiamo Zen?»




Review Party: Recensione di “Il segreto dei Chimneys" di Agatha Christie



« Sembrava un gestore di osteria, il tipo di uomo che pare uscito da un libro. Nonostante tutto, un tipo interessante. A pensarci bene, è il motivo per cui si viaggia all’estero: vedere tutte le cose inusuali che si leggono nei libri. »


La località di Chimneys è una dei più antiche e regali residenze signorili inglesi, famosa per essere luogo di trattative politiche che coinvolgono diplomatici da ogni dove. Se coloro che popolano questo luogo sono abituati ad un certo tipo di clima, non possono per nulla prevedere ciò che può scatenare un omicidio all'interno delle mura del castello. Il misterioso conte Stanislaus giace ora privo di vita, senza possibilità di difendersi o di parlare di sé, dei motivi che l'hanno condotto fino a lì, fino al suo aguzzino. L'ispettore Battle di Scotland Yard viene quindi chiamato a risolvere il caso, con discrezione e velocità, per far cessare lo scandalo che rischia di abbattersi su Chimneys.
Ma sarà così semplice portare a termine il lavoro, così da soddisfare le esigenze di coloro che l'hanno chiamato?


“Il segreto dei Chimneys" di Agatha Christie è una delle opere forse meno note della prolifica scrittrice, ma che comunque sa intrattenere il lettore grazie allo stile scorrevole e semplice che da sempre caratterizza la regina dei gialli. Anche i protagonisti, nonostante non siano conosciuti come altri presenti in altrettante opere note, sanno il fatto proprio e si inseriscono nella vicenda con naturalezza e intelligenza. Nel complesso non è affatto da meno rispetto a "Dieci piccoli indiani" o "Assassinio sull'Orient Express": nonostante non sia tra i capolavori del genere, è un modo diverso ma interessante per approcciarsi ad Agatha Christie, senza dover avere a che fare con personaggi di un certo spessore quali Miss Marple e Poirot. "Il segreto dei Chimneys" è un romanzo a sé stante, in cui si entra a contatto con altri personaggi che si fanno scoprire pagina dopo pagina, ma che dopo la risoluzione del caso sono pronti a lasciar andare il lettore verso nuove avventure. Se un neofita volesse approcciarsi alla Christie senza passare inizialmente dalle serie più famose, questo libro può essere un ottimo spunto di lettura.

venerdì 13 settembre 2019

Review Party: Recensione di “Il tesoro dei fin gall” di James L. Nelson




« La proibizione di Asbjorn arrivò troppo tardi. Kjartan tolse la sbarra dalla porta e l’aprì. Il muro di scudi si disperse, i vichinghi si sistemarono ai lati mentre il battaglione irlandese a cavallo entrava lentamente. Gli irlandesi e i norreni si guardavano a vicenda con occhi minacciosi, come due branchi di lupi che si affrontano nei boschi. »


Fin gall. Gli stranieri bianchi che giungono dal Nord. Uno dei diversi modi con cui i vichinghi sono stati definiti, ma mai come ora questo termine assume un significato tanto prezioso. Questo perché intorno al nome ruota la vicenda di un importante tesoro ritrovato su una nave irlandese: una corona che di lì a poco verrà contesa tra i Tre Regni.

Thorgrim Ulfsson non può rimanere indifferente di fronte a una simile bellezza, ma chi ha il diritto di tenerne possesso e il privilegio di poterla indossare? Un oggetto così importante può rendere l'uomo che la indossa il più seguito e temuto di tutti. Il desiderio di prevalere è allettante, tanto da intraprendere una guerra dall'esito incerto.

La storia de "Il tesoro dei fin gall" va gustata con molta attenzione e scrupolosità. Concentrandosi, si può iniziare a sentire sulla pelle il clima freddo dei paesi nordici, le lame cozzare tra loro durante una battaglia, il proprio sangue in gola mischiato a quello dei nemici.

Non è un libro leggero per i contenuti, ma ciò non è affatto un difetto. Nelson ha uno stile di scrittura diretto e preciso, nonostante un sottile velo di delicatezza che mi è sembrato di percepire di tanto in tanto e che ha contribuito a lasciare la storia in bilico tra favola e fatti accaduti, come nei migliori dei miti.

L'ambientazione è una tra le mie preferite degli ultimi anni, chiunque ami la cultura norrena non può non apprezzare questo libro, soprattutto per la fedeltà storica dei dettagli.

Il parterre di personaggi mostrati è ricco di caratterizzazioni singolarmente originali e mai stereotipate, che definiscono con precisione colui di cui si sta parlando.

Il ritmo è costantemente incalzante, fino a lasciare senza fiato per la calcolata frenesia con cui le scene si susseguono fino all'epilogo. Nonostante questo, non si arriva stanchi o affaticati alla fine, ma anzi, bramosi di sapere come proseguirà la saga.

Per questo sono elettrizzata e impaziente per la pubblicazione del secondo libro, che promette avventure incredibili e per niente sottotono rispetto a questo primo capitolo.



giovedì 12 settembre 2019

Review Party: Recensione di "Le figlie del guardiano del faro" di Jean E. Pendiwol




« È la semplicità della gioventù, tutta squadrata di bianco e nero, giusto e sbagliato, amore e odio. »

La magia e il fascino che avvolgono le leggende, danno vita a Porphyry Island, dove prendono forma le vicende di Elizabeth, Emily e del loro papà, il guardiano del faro.

I ricordi sono ben impressi nella mente di Elizabeth, che a molti anni di distanza si ritrova tra le mani i diari del defunto padre, che automaticamente fanno riaffiorare il passato. Felicità, ma anche incomprensione, si annidano nella sua mente e l'arrivo della giovane Morgan nel suo quotidiano è motivo per tirare fuori tutto e cercare di venirne a capo. Morgan rimane in qualche modo intrigata dalla donna, l'unica persona che allevia la sua solitudine e i ricordi lontani di una famiglia ormai perduta, ma che nonostante sia una sconosciuta sembra essere legata a lei attraverso dei disegni molto simili a quelli che possiede da sempre.
Ma spesso ci sono orrori nascosti che è difficile mostrare, causati da fatalità imprevedibili e inevitabili. Se Elizabeth ormai è incapace di vedere il mondo, lo è ancora di più nel non vedere le verità nascoste nella sua memoria.

Distacco e vicinanza uniscono sempre di più Elizabeth e Morgan. La casa di cura diventa il loro rifugio, l'antro in cui spogliarsi dei problemi e metterli a confronto, aiutarsi a vicenda e risollevarsi dai tormenti. Il loro curioso rapporto diventa vicendevolmente indispensabile, come un supporto per fare i conti con il passato, vivere il presente e non avere paura del futuro.

I libri che popolano buona parte del catalogo Garzanti, sono accomunati spesso da un'atmosfera che ha il profumo di casa e il calore di una famiglia. "Le figlie del guardiano del faro" è un'opera perfetta per riscoprire valori e amori apparentemente perduti, in un clima magico ma al tempo stesso terreno e reale. Trovo molto interessante accostare due personaggi tanto differenti, ma che dalla loro diversità trovano i giusti spunti per aiutarsi e andare d'accordo.

Non ho potuto fare a meno di rivedermi sotto certi punti di vista in Morgan, nel suo sentirsi fuori posto e incapace di tracciare il suo futuro.

Jean E. Pendiwol tesse con delicatezza che sa colpire una storia famigliare che incuriosisce il lettore, che rimane toccato dalla raffinatezza dello stile di scrittura e dal modo in cui viene introdotto in epoche ben precise della storia dell'uomo, così come nei meravigliosi ambienti canadesi.

Non è una lettura da sottovalutare, perché entra nel cuore lasciando emozioni intense e contrastanti.




mercoledì 11 settembre 2019

Review Party: Recensione di "Iron Flowers - Regina di Cenere" di Tracy Banghart



« L’alba danzò per l’isola come una Grazia in abiti dorati, ammantando ogni foglia e ogni aspra roccia vulcanica di una filigrana di luce che sembrava pizzo, proprio mentre Serina e le altre erano impegnate a cancellare il massacro della sera prima. Tutti i cadaveri erano spariti, le donne uccise erano state affidate al fuoco rosso del vulcano e le guardie ai gelidi abissi dell’oceano. Ben presto, scomparve anche ogni traccia di sangue. »

Con somma sorpresa mi ritrovo a così poca distanza di uscita dal primo libro a poter leggere l'epilogo dell'emozionante storia di Iron Flowers. Tracy Banghart non ha affatto deluso le mie aspettative, mi ha riaccolto tra il sangue e il ferro trascinandomi nell'angosciante clima in cui avevo lasciato le protagoniste.

Virida e Monte Rovina ricompaiono istantaneamente nel punto in cui li avevo lasciati. Il destino di Serina e Nomi è appeso ad un sottile filo che, seppur lontane, le lega indissolubilmente in una lotta per la propria identità che di lì a poco si abbatterà sulla loro terra. 
Non perdono la speranza di rincontrarsi e di mostrare all'altra quale radicale cambiamento ha attraversato la loro pelle e la loro mente. Questo cambiamento non cozza affatto con la coerenza dei personaggi, anzi, è assolutamente coerente con i traumi e le vicende che hanno dovuto subire. Proprio questo le porta a risvegliarsi dalle regole imposte  per seguire la propria strada e tracciare i lineamenti di un nuovo mondo.

Iron Flowers è una delle prove per affermare che non serve sempre scrivere un'epopea infinita per poter produrre una buona storia. In due libri sono concentrate emozioni positive e negative, forza bruta e dell'animo, debolezze da sconfiggere e quelle da mostrare con orgoglio, amore e tradimento, un colpo di scena dopo l'altro. 

Seppur non così tanto chiacchierata è una storia che merita di essere letta, perché è dedicata non solo alle donne ma a tutte le persone che hanno bisogno di trovare il coraggio per non abbassare la testa e lottare per loro stesse.




martedì 10 settembre 2019

Review Party: Recensione di "Elric. La saga" di Michael Moorcock



« Questa è una storia di emozioni mostruose e di ambizioni sfrenate. È una storia di sortilegi, di tradimenti e d'ideali onorevoli, di sofferenze e piaceri spaventosi, di amore amaro e di dolce odio. Questa è la storia di Elric di Melniboné. »

Torna in Italia una delle saghe che ritengo essere un caposaldo del fantasy epico, in un'edizione preziosa che solo la collana Oscar Draghi di Mondadori poteva rendere tale. Questa è un'occasione unica per recuperare una storia assolutamente meritevole.

In un regno sempre più in decadenza, Elric, l'imperatore albino, regna incontrastato a cavallo tra lucidità e sregolatezza. Ma l'ombra dei Regni Giovani cresce sempre di più, pronta ad inghiottire ciò che anche il tempo vuole spazzare via. La battaglia per la difesa di Melniboné potrebbe essere ora più imminente che mai.

Elric è un personaggio affascinante e controverso, a cui non si può certo rimanere indifferenti. I sentimenti che prova, che siano tormento o amore, sono così intensi da risultare realistici e umani. Il viaggio che intraprende tra il terreno e il divino non è solo un cammino fisico, ma anche e soprattutto spirituale, che lo fa evolvere in una direzione non sempre ben definita, proprio per la forza e le debolezze che lo caratterizzano.

Gli anfratti di mondo che appaiono come una visione nell'occhio della mente contribuiscono all'ampliamento dell'immaginazione, che ora si trova ad esplorare nuovi scenari unici nel loro genere, come di fronte ad una delle grandi meraviglie che ben conosciamo.

Lo stile e il tono utilizzati da Michael Moorcock catapultano il lettore in un'atmosfera drammatica, cupa, ma assolutamente ipnotizzante, rendendo la lettura scorrevole, appassionante e coinvolgente.

La cosa più incredibile è come questa saga sia rimasta immutata nel tempo, dalla sua prima pubblicazione ad oggi. Al contrario del regno di Melniboné, l'opera poggia su fondamenta indistruttibili, che il tempo non fa altro che rafforzare attraverso l'energia, la condivisione e l'amore dei fan che sempre più crescono e non smettono mai di parlarne e tenerla in vita.





Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...