martedì 3 dicembre 2019

Review Party: Recensione di "Il Priorato dell’Albero delle Arance" di Samantha Shannon



«  È nei momenti in cui la storia manca di far luce sulla verità che si generano i miti.   »

Ci fu un tempo in cui il terribile drago Senza Nome tentò di distruggere ogni cosa. La catastrofe venne scongiurata e la creatura imprigionata. Il tempo scorre e il suo ritorno in libertà sembra sempre più imminente, così come la venuta di coloro che dovranno riuscire nella pericolosa impresa ancora una volta.

Il Reginato di Inys sta vivendo una vera e propria crisi, dal momento che la principessa Sabran è senza consorte e soprattutto senza un erede per continuare a far vivere la casata di Berethnet. I nemici aumentano, ma c'è un paladino segreto a vegliare su di lei: Ead Duryan, adepta di una società segreta che sfrutta i suoi poteri per proteggere la futura Regina, anche se questa è proibita nell'intero regno.

A cavallo tra influenze orientali e occidentali, Samantha Shannon costruisce magistralmente un universo immenso e strabiliante per la cura dei dettagli, che siano essi nella morfologia che nella miriade di culture differenti che caratterizzano i popoli. La figura del drago, per gli orientali, è alla stregua di una divinità, venerati per la loro forza anziché condannati per la distruzione. Il suo è un mondo in cui nessuna persona o gruppo detiene la verità precisa: le credenze di tutti sono in qualche modo imperfette, modellate dalla storia o dall'opportunità politica.

È davvero lodevole che gran parte dell'azione chiave è guidata da donne e personaggi di colore: questo è solo uno dei moltissimi esempi di parità disseminati nell'opera, volta ad esaltare i diritti di uguaglianza, di genere e di orientamento sessuale, con lo scopo di rendere ognuno di questi esattamente ciò che dovrebbe essere: la normalità in un mondo normalmente variegato.

La magia pulsa in ogni elemento, vivendo nell'aria, nell'acqua, in ogni essere vivente. Perfino, purtroppo, anche dove il male si annida e scalcia per risalire le profondità buie in cui è caduta.

Ho conosciuto l'autrice anni fa, quando Salani pubblicò il primo libro della trilogia "La stagione della falce", bloccando poi la pubblicazione. Sono davvero felice di poter leggere e gustarmi finalmente una storia della Shannon dall'inizio alla fine. E che storia! Un romanzo intenso e complesso, corposo sia dal punto di vista della mole di pagine che da quello che viene rappresentato. Non è una passeggiata scrivere un'opera del genere, ma è una dimostrazione eclatante del fatto che spesso non serve scrivere una serie di libri per rendere una storia indimenticabile.

"Il Priorato dell’Albero delle Arance" mi ha fatto riassaporare la bellezza e la meraviglia dell'infanzia, riportando a galla le stesse emozioni di quando ho iniziato ad approcciarmi al fantasy e a sognare, anche io, di poter esplorare il mondo a cavallo di un maestoso drago. 



0 commenti:

Posta un commento

I commenti sono energia positiva per il blog.

Se hai letto questo articolo e ti va di dirmi la tua opinione, scrivila qui sotto e mi aiuterai a crescere!

Regolamento (circa): La buona educazione è tassativa, nei miei confronti e in quella degli altri lettori. Potete scrivere liberamente la vostra opinione, ma senza sfociare in argomentazioni becere e indecorose.
Rispettate questa semplice norma di buon senso e saremo tutti amici!

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...