giovedì 1 dicembre 2016

Recensione: "Canterà il gallo" di Rosanna Spinazzola



« Se non cambio solo perché ho paura di perdere tutto, sarei come un pulcino che non vuole distruggere il suo uovo perché lo ha abbellito con dei quadri, un bel paio di tende di mussola e una stufetta nuova. Se vuoi rinascere devi distruggere un mondo. Non c'è nessun altro sistema. »



Leggere dell'ipotetico futuro del mondo è sempre un po' dura da digerire. La sensazione di inquietudine e disagio è sempre una costante; uno schiaffo emotivo e morale che tutti dovrebbero provare per comprendere che ogni azione ha una sua conseguenza, moltiplicata nel tempo, all'infinito. Pensare che il disastro avverrà quando non saremo più fisicamente presenti su questa terra è solo il primo di tanti ragionamenti egoistici.

Questa è la storia di chi le conseguenze di tali azioni le deve vivere sulla propria pelle: nascono nelle menti delle tormentose domande, quelle che portano gli esseri umani a cambiare e muoversi iniziando un proprio cammino; come la donna dal volto e il nome sconosciuti, perfino al lettore che dall'alto la osserva.
Il suo viaggio è una corsa contro la crudeltà di chi è più forte, una lotta per rivendicare la propria libertà e non essere ingiustamente catturata. 
La sua forza è la consapevolezza di non essere sola: il figlio che porta in grembo la sprona ad attraversare il bosco per cercare il fratello, ormai da tempo allontanatosi da casa. 
Ad attenderla nel cuore della natura, l'ignoto e lo spettro invisibile dei ricordi.

Diversi sono gli scrittori conosciuti proprio per questo genere di narrativa, la distopia. Chi più chi meno ha contribuito dando la personale interpretazione sull'umanità del proprio presente, proiettata nel futuro.
Attraverso il suo primo libro, "Canterà il gallo", Rosanna Spinazzola centra perfettamente l'obiettivo con una storia originale e godibile, nonostante la drammaticità che non abbandona mai le pagine. Viene presentato un mondo arido e impoverito, che per quanto inventato risulta verosimile e plausibile, utilizzando un linguaggio vasto e una ricca terminologia che sempre più raramente, purtroppo, caratterizzano un libro.
L'immedesimazione nella sua creatura è inevitabile, tanto da chiedersi se sarebbe davvero possibile riuscire a sopravvivere fin dove la donna giunge: sopportare le ferite, il freddo e la stanchezza, tornare in salute senza medicine, procacciarsi il cibo come gli animali selvatici.
Quello che è certo è la volontà di proseguire il viaggio e sostenerla, fino ad affrontare l'inaspettata conclusione.

Acquistatelo, leggetelo e fatelo leggere. Preparatevi ad attendere anche voi il canto del gallo.


Trailer di presentazione:


1 commenti:

nbde2020 ha detto...

Per coloro che hanno bisogno di prestazioni subacquee estreme, Zodiac offre il Super Sea Wolf 68 Cartier replica Saturation. Prendendo spunto dal primo modello Super Sea Wolf introdotto nel 1968, il Super Sea Wolf 68 Saturation offre un profilo molto più Patek Philippe replica imponente rispetto ai suoi compagni stabili. La cassa in acciaio inossidabile da 45 mm offre un'abbondanza di presenza al polso Panerai replica mentre mostra il caratteristico stile tonneau di fine anni '60 di Zodiac. Questo inconfondibile profilo arrotondato e incernierato del cappuccio è Tag Heuer replica molto più di un semplice esercizio di design maschile: questa custodia audace offre una resistenza all'acqua di 1.000 metri per soddisfare anche il Audemars Piguet replica subacqueo più dedicato. Anche il quadrante del Super Sea Wolf 68 Saturation si avvicina all'originale degli anni '60, con la caratteristica lancetta dei minuti ad alta IWC replica visibilità "testa di serpente" resa in arancione ad alto contrasto per la massima leggibilità subacquea. Gli indici applicati ricevono anche un trattamento arancione, bilanciando il design del Franck Muller replica quadrante e fornendo una scossa di colore che ha un impatto immediato sul polso.

Posta un commento

I commenti sono energia positiva per il blog.

Se hai letto questo articolo e ti va di dirmi la tua opinione, scrivila qui sotto e mi aiuterai a crescere!

Regolamento (circa): La buona educazione è tassativa, nei miei confronti e in quella degli altri lettori. Potete scrivere liberamente la vostra opinione, ma senza sfociare in argomentazioni becere e indecorose.
Rispettate questa semplice norma di buon senso e saremo tutti amici!

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...