martedì 30 maggio 2017

Recensione: "Lolita in Love" di Pamela Geroni


« Per quanto possa essere difficile da accettare, per te, la verità è che non esiste una parola per tutto. Ci sono cose che eludono le definizioni, perché ci sono sfumature che non possono essere colte. Solo vissute. »

Vita dura per Rainbow Day, adolescente con una famiglia problematica e una migliore (e unica) amica che pensa solo a parlare dei suoi problemi.
Eppure, affronta le giornate, tra una discussione con il fratello e le sedute con la psicologa, apparentemente a testa alta.

Ma Rain sa di non mostrare chi è veramente, solo lei e il gatto Sparrow condividono il segreto nascosto nell'armadio della sua stanza. Quando sa di non essere vista, la ragazza indossa i vestiti della moda lolita: si rimira nello specchio, cura con estrema calma i dettagli del trucco e si bea della tranquillità della notte in un parco vicino casa.

Solo così riesce a guarire temporaneamente il senso d'inquietudine che la tormenta fin dall'abbandono della madre. Ma quando una sera s'imbatte nel misterioso Tristan, verrà spinta a risalire da quel pozzo buio e risolvere i propri problemi.

Conoscendo e amando da anni la cultura lolita non ho potuto fare a meno di avere gli occhi a cuoricino quando ho scoperto che quei vestiti fossero il simbolo della protagonista. L'atmosfera della storia è tipica delle trame adolescenziali e del genere Young Adult, emotiva, un po' cupa e problematica ma a tratti divertente, specie con i battibecchi tra i due personaggi principali.

Fortunatamente, il romanticismo è ridotto ai minimi termini e le descrizioni dei personaggi non fanno presagire che siano i classici "strafigo da paura e so di esserlo" e "gnocca pazzesca per gli altri anche se io non ci credo". Io lo so che esistete, vi vedo e vi evito senza alcuna pietà.

I dialoghi tra Rainbow e Tristan sono ciò che più di tutto ritengo essere sensuale: si scambiano opinioni sul vestiario, parlano di musica, citano passi di poesie per far emergere la propria anima. Non c'è niente di più sexy ed emozionante nel condividere con un'altra persona il personale mondo interiore, a tutto tondo.

Interessante è stato scoprire il colpo di scena legato all'identità del ragazzo, per nulla scontato o banale.
Rain riesce a trovare, attraverso un evento imprevisto, la forza di riuscire a dare finalmente una svolta al suo quotidiano ed iniziare a crescere e a guardare le cose da una diversa prospettiva. Non è perfetta e agli errori cerca un modo per porvi rimedio, sia per gli altri sia per sé stessa.

Nel complesso, la scrittura è semplice e scorrevole, così come la storia. Sono i dettagli che fanno la differenza e che hanno reso questo romanzo d'esordio una lettura godibile.

Ringrazio l'autrice per avermi dato la possibilità di leggere il suo libro, che potete acquistare a questo link


1 commenti:

Annamaria Petriccione ha detto...

Ciao Tiziana, mi sono soffermata a leggere questa recensione perché ciò che mi ha colpito subito di questo romanzo è il titolo. Una storia che sembra molto carina e valida, mi segno questo libro per la mia wishlist. Un bacio :)

Posta un commento

I commenti sono energia positiva per il blog.

Se hai letto questo articolo e ti va di dirmi la tua opinione, scrivila qui sotto e mi aiuterai a crescere!

Regolamento (circa): La buona educazione è tassativa, nei miei confronti e in quella degli altri lettori. Potete scrivere liberamente la vostra opinione, ma senza sfociare in argomentazioni becere e indecorose.
Rispettate questa semplice norma di buon senso e saremo tutti amici!

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...