martedì 17 luglio 2018

Review Party: Recensione di "Quasi colpevole" di Paolo Pinna Parpaglia




« Gli passarono davanti le immagini di vent'anni di amicizia e soprattutto delle volte in cui lo aveva difeso quando qualcuno gli chiedeva come potesse essere amico di uno strano come lui. "Non è quello che sembra", rispondeva convinto. Avevano ragione, Cristo se avevano ragione. La rabbia montò impetuosa. »

Una forte amicizia può affrontare qualsiasi difficoltà. Ma questa volta, il concetto sembrerebbe vacillare.
Gabriele, Christian, Quirico ed Enrico, amici degli anni della giovinezza, si ritrovano adulti ad impattare contro un fatto ben più grave di una sbandata adolescenziale: l'accusa di omicidio per Enrico. Quirico, avvocato,  cerca di non avere a che fare con questa storia, ma non può opporsi di fronte al telegramma dello scapestrato amico, in cui gli annuncia di averlo nominato suo difensore.
Enrico si fida solo di lui, non vuole nessun altro. Sarà davvero lui il colpevole, o come dice sempre: "Non è quello che sembra"?

"Quasi colpevole" mi ha involontariamente ricordato un altro libro recentemente letto che segue più o meno la stessa struttura e le stesse atmosfere. Ma tolto questo elemento non voluto, Paolo Pinna Parpaglia ha saputo intrattenermi con una storia interessante, in cui i personaggi descritti sono ben definiti, riconoscibili fin da subito.

Nel quartetto, Enrico e Quirico spiccano come opposti: il primo, ribelle e spregiudicato, pronto a farne una più del diavolo inconsapevole dei rischi, fino all'ultimo, che l'ha portato a finire dietro alle sbarre con esito pressoché inevitabile. Il secondo, prudente e passivo, che vorrebbe avere la forza di dire la sua ma si ritrova costantemente trascinato nei colpi di testa degli altri compagni. Non gli piacciono i cambiamenti, tanto da sentirsi quasi male quando da cause civili passa alla sua prima penale.

Se siete stanchi degli avvocati freddi e calcolatori, preparatevi ad un indagatore goffo e inesperto, che saprà divertirvi nonostante la situazione.

Ciò che spicca è l'imprevedibilità della storia, che svia e confonde per esplodere in un finale inatteso che con prepotenza si impone e colpisce i sensi e la mente del lettore.

Uno scrittore che è una lieta sorpresa, e che d'ora in poi seguirò con sincero piacere!



0 commenti:

Posta un commento

I commenti sono energia positiva per il blog.

Se hai letto questo articolo e ti va di dirmi la tua opinione, scrivila qui sotto e mi aiuterai a crescere!

Regolamento (circa): La buona educazione è tassativa, nei miei confronti e in quella degli altri lettori. Potete scrivere liberamente la vostra opinione, ma senza sfociare in argomentazioni becere e indecorose.
Rispettate questa semplice norma di buon senso e saremo tutti amici!

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...