venerdì 8 novembre 2019

Review Party: Recensione di "Daemoniacus: Il cavaliere silente" di Gioia De Bonis e Valentina Nazio



« Intingo il ciondolo nel mio sangue e questo diventa immediatamente incandescente, poi senza esitazione lo appoggio sulla fronte di quel che resta dell’uomo di cui mi sono appena cibata, e lo lascio lì finché sulla sua pelle non compare, impresso a fuoco, la riproduzione perfetta del monile che porto sempre con me. «Questo è per te mio Signore» dico dolcemente osservando il marchio sulla pelle del tizio steso a terra. In pochi secondi il corpo si trasforma in cenere e di lui non resta più alcuna traccia. Svanito. Sparito nel nulla. Come se non fosse mai esistito. »

Un gesto avventato dato dalla disperazione del momento, porta il Cavaliere Grigio Samuel all'apertura del Varco che divide la Terra dal mondo dei demoni. Monath ne approfitta e si intrufola come un parassita tra i mortali, alla ricerca dell'energia necessaria per portare da questa parte l'amore della sua esistenza: Astaroth, il Re degli Inferi.

Per fare questo, la succube prende possesso del corpo di Zoe, per divorare i mortali e diventare più forte. La scelta non è stata casuale, in quanto la donna è la futura moglie di Fabian, uomo tormentato da incubi e visioni di terrificanti ombre. Il comportamento inusuale della fidanzata è solo l'inizio di un cammino per conoscere sé stesso e la realtà che lo circonda, verso la missione che lo porterà a diventare un vero Cavaliere e scongiurare la venuta di Astaroth.

"Daemoniacus: Il cavaliere silente" è un romanzo breve che può essere letto in un paio d'ore. Questo elemento, che dovrebbe denotare una lettura talmente intensa da non poter essere lasciata se non dopo la fine, è il primo campanello d'allarme che mi ha fatto capire fin da subito che non sarei riuscita ad apprezzare davvero l'opera.

La trama di fondo, seppur interessante, non ha uno scheletro sufficientemente resistente per riuscire a stare in piedi. L'idea originale è davvero buona, ma la storia è molto superficiale e troppo frenetica: non si ha il tempo di inquadrare alcuna scena, né di empatizzare con i personaggi, che oltre a non essere fisicamente e psicologicamente descritti non hanno la benché minima evoluzione nel corso degli eventi.

Le autrici hanno uno stile acerbo, fin troppo semplice e frenetico. Non scavano nelle situazioni da loro create, limitandosi solamente a riportare le scene come fotogrammi. Un editing più accurato avrebbe sicuramente migliorato il testo; nonostante questo, la lettura non viene intaccata dagli errori, che si limitano a spezzare il ritmo ma senza gravare troppo.

Se la trama del Sinodo dei Cavalieri Grigi e del regno degli Inferi non viene approfondita, in compenso le scene a sfondo sessuale sono quelle su cui ci si sofferma maggiormente: anche se non si scende nel dettaglio, in queste si percepisce una maggiore cura, ma purtroppo non hanno una vera funzionalità per la storia.

Nota di merito, pur non intendendomi di disegno trovo le illustrazioni sparse nei vari capitoli molto carine e piacevoli da osservare. Lo stesso vale per la copertina, che aveva stuzzicato la mia curiosità fino a farmi leggere questa storia.

Nonostante il finale lasci intendere un seguito, la serie di Daemonicus è nel complesso, a mio modesto parere, trascurabile, al livello attuale. Una maggiore attenzione al mondo creato e alla storia che davvero si vuole trasmettere al proprio pubblico porterebbe sia le autrici che il libro ad una maturità e consapevolezza maggiori, che non solo migliorerebbero il lavoro già svolto, ma anche quelli che potrebbero venire in futuro.

Gioia De Bonis e Valentina Nazio hanno tutte le carte in tavola per riuscire nell'impresa: lo si vede nei ringraziamenti finali, che sprigionano passione, impegno e desiderio di farsi conoscere e far conoscere a tutti il mondo che esiste grazie alla loro fantasia.


1 commenti:

Buona lettura ha detto...

Mi ispira molto :)

Posta un commento

I commenti sono energia positiva per il blog.

Se hai letto questo articolo e ti va di dirmi la tua opinione, scrivila qui sotto e mi aiuterai a crescere!

Regolamento (circa): La buona educazione è tassativa, nei miei confronti e in quella degli altri lettori. Potete scrivere liberamente la vostra opinione, ma senza sfociare in argomentazioni becere e indecorose.
Rispettate questa semplice norma di buon senso e saremo tutti amici!

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...