mercoledì 6 giugno 2018

Review Party: Recensione di "La vittima perfetta" di Robert Bryndza



« Il mio odio si è intensificato fino a cristallizzarsi in un’emozione che incute paura. »

L'ennesimo omicidio muove l'ispettore capo Erika Foster tra le vie londinesi in una lotta contro il tempo per fermare quello che ben presto verrà definito assassinio seriale. Lampanti, saltano all'occhio esperto della polizia la droga dello stupro, l'assenza di scasso e la vera arma del delitto: i sacchetti di plastica per indurre una morte da soffocamento.
Una lenta e dolorosa tortura, probabilmente volta al piacere di chi stava a guardare la vita scivolare via dai corpi.
Chi è l'Ombra della notte? Cosa si cela dietro le sue azioni?
Un medico, un conduttore televisivo e uno scrittore sono al momento le sue vittime. Senza alcun apparente nesso, sarà Erika a dover scoprire quale sarà la prossima mossa. Forse, l'oscurità che è in lei, le sarà per una volta d'aiuto.

A fronte di una narrazione in alcune parti, purtroppo, scontata ("Che cliché. È tutto così trito.", citando uno dei personaggi della storia), le vicende si susseguono in modo serrato, accostandosi l'una all'altra in maniera apparentemente causale, ma concatenandosi, allo scopo di approfondire la conoscenza dei protagonisti. Pochi elementi ben assestati, ma che nell'insieme soddisfano la panoramica globale del libro. Bryndza, come già accennato, non riesce però a mettere su carta qualcosa di diverso dagli stereotipi, proponendoli sì come un qualcosa da cui distaccarsi, ma cascandoci inevitabilmente dall'inizio alla fine.

"La vittima perfetta" cerca di portare alla luce, attraverso la descrizione delle indagini, argomenti d'attualità come il razzismo e la parità, palesando quello che parrebbe essere il vero intento dell'autore: combattere i pregiudizi.

Un libro tutto sommato riuscito, che sa intrattenere il lettore, alla costante ricerca della verità celata nell'ombra.


0 commenti:

Posta un commento

I commenti sono energia positiva per il blog.

Se hai letto questo articolo e ti va di dirmi la tua opinione, scrivila qui sotto e mi aiuterai a crescere!

Regolamento (circa): La buona educazione è tassativa, nei miei confronti e in quella degli altri lettori. Potete scrivere liberamente la vostra opinione, ma senza sfociare in argomentazioni becere e indecorose.
Rispettate questa semplice norma di buon senso e saremo tutti amici!

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...