lunedì 7 marzo 2016

Recensione: "Vodka&Inferno" di Penelope Delle Colonne



« Amare è dissolversi nelle parole di un altro. Amare è annientarsi. Amare è non esistere più. Mai. Mai. Mai più.»

La morte; quale eterna, crudele ed inevitabile sorte umana. Eppure, per Frattaglia, tutto questo simboleggia il vero inizio della sua piatta vita. Da quel cadavere trovato nel Canal Grande, sbattuto a merce di scambio su un tavolaccio di mercante; su di lui, quella pelle pallida e nuda ha un potere ipnotizzante, tanto da distoglierlo dalle sue amate marionette di stracci. 

Per quel corpo, si fa picchiare e patisce la fame; tutto, pur di rimanere legato ai suoi lisci capelli neri e a quelle labbra ancora morbide e rosee. Con lui, affronta il viaggio di ritorno a casa: dalla marinara Venezia, alla fredda Soroka del 1893. Nel paesino russo, leggende surreali e rivalità concorrenziali fanno da contorno al funerale della salma muta e gelida; il suo nome risuona tombale nell'aria: Viktor.

Poco importa lo stato di servo in cui si ritroverà, Frattaglia rimarrà al suo capezzale, osservandolo oltre il vetro della teca mortuaria. Fino alla notte in cui scopre che il rosso non è solo la sfumatura dei suoi capelli.

Una lenta discesa all'inferno attende la dinastia Mickalov, martoriata da una maledizione lunga quanto il tempo, finora celata al mondo. Ma il potere fa gola e la vendetta è un piacevole passatempo notturno: servita e gustata lentamente.

Il tutto sotto gli occhi oscuri nascosti dietro il becco adunco di un criptico Dottore della Peste, circondato da misteriose verità d'alchimia e magia.

L'atmosfera del gotico puro danza intensamente tra le pagine di "Vodka&Inferno - La Morte Fidanzata", primo di una serie di libri di una delle figure più apprezzate e lette degli ultimi anni. Penelope Delle Colonne imbastisce una corposa storia fatta di amore e morte, del loro indissolubile rapporto che porta a tradirsi e sopraffarsi vicendevolmente.

La scrittura delicata ma affilata intrattiene e nutre riga dopo riga, infondendo sentimenti contrastanti tra il susseguirsi di vicende e colpi di scena, fino al prosciugante epilogo. Una storia che va goduta a piccoli sorsi, come la vodka che infiamma la gola, un toccasana raffinato e crudele per la mente di chi legge.

Una storia che, in un certo senso, volge ad una fine tutta sua. Ma di Penelope piace leggerne ogni sospiro, ed ora che finalmente, dopo anni, la sua creatura ha avuto degna pubblicazione non se ne può più, davvero, fare a meno.



Attenzione: "Vodka&Inferno" è un romanzo gotico. Lo è, tanto quanto "Il castello di Otranto", "Frankenstein" e molte altre storie. Non è un fantasy, né tantomeno urban fantasy. Non troverete l'eroe per cui tifare, né il bello di turno per cui invaghirsi. "Vodka&Inferno" è orrore, dramma, malattia, violenza, sangue che chiama sangue. Non c'è spazio per l'amore vero, se non quello viscerale, ossessivo; rapporti di comodo, di ogni genere, da sfruttare. Se siete anime particolarmente sensibili, potreste rimanere scottati da alcuni contenuti e temi trattati.

Ringrazio la gentile Milena Edizioni per avermi concesso la possibilità di leggere in anteprima questo libro.


6 commenti:

Calypso Ophèlie Lacroix ha detto...

Che bella recensione, molto sentita e mi è piaciuta in particolare la parte su Penelope, sul suo stile e sul prendere il libro a piccoli sorsi come la vodka. Non vedo l'ora di averlo anche io !

Sabrina Ink ha detto...

Una recensione stupenda e di tutto rispetto. Hai centrato in pieno lo stile di scrittura del libro.
Fortunatamente ormai manca poco e potrò leggerlo anche io.

Milena Del Prete ha detto...

Una bellissima recensione, complimenti. Ho sempre più voglia di leggere il libro di Penelope, per fortuna manca poco all'uscita! Sto aspettando con ansia quel giorno.

Cristina Costanzo ha detto...

Bellissima recensione!

Federica Trotta ha detto...

Una recensione stupenda, piena di verità su Penelope, la sua scrittura e sul libro stesso.

Unknown ha detto...

Bellissima recensione e l'attenzione finale è giusta!

Posta un commento

I commenti sono energia positiva per il blog.

Se hai letto questo articolo e ti va di dirmi la tua opinione, scrivila qui sotto e mi aiuterai a crescere!

Regolamento (circa): La buona educazione è tassativa, nei miei confronti e in quella degli altri lettori. Potete scrivere liberamente la vostra opinione, ma senza sfociare in argomentazioni becere e indecorose.
Rispettate questa semplice norma di buon senso e saremo tutti amici!

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...