giovedì 15 febbraio 2018

Review Party: Recensione di: "Il regno del male" di Sandro Ristori



« "Se il bene e il male sono un’unica cosa, perché noi puniamo il male? Perché premiamo il bene? Se bene e male sono solo parole prive di significato, che senso abbiamo noi?" »

Questa è la storia di una cruda realtà, fatta di guerre, pestilenza e morte.
Ognuna confinata nella propria provincia, lasciata quasi a sé stessa, in attesa che il destino faccia il proprio corso. Tutte condividono il dolore e la tensione di una vita faticosa, ma solo in apparenza sembrano viaggiare su vie parallele.
Il peso sul cuore non è indifferente agli occhi di chi assiste alle vicende come impotente spettatore. Si può solo andare avanti, attraverso le mappe che in un lampo portano da una situazione all'altra, disorientando con giusta causa il lettore, che si trova a chiedersi quali tra i personaggi abbiano maggiore valore.

"Il regno del male" di Sandro Ristori è pregno di un'inquietudine imprevista, che contamina questo primo libro, l'inizio di una saga fantasy dai risvolti sorprendenti. La spietatezza e insensibilità che affollano le pagine sono ben rese grazie ad uno stile di scrittura incisivo e scorrevole, ma positivamente rozzo nel far passare i contenuti. L'inchiostro è come il sangue versato tra le strade: indelebile, impressionante. La violenza di certe scene è tale da costringere per un istante a distogliere lo sguardo, come di fronte ad una pellicola che scorre inesorabile davanti agli occhi.


Un'ambientazione ricca, che ha molto da raccontare e da cui bisogna apprendere per essere capita. Mi ha ricordato quei videogiochi in cui la trama sì è importante, ma esplorare il mondo è un altrettanto interessante passatempo.
Ho amato senza alcun dubbio la storia legata a Coral, costretto ad abbandonare il suo villaggio, verso un ignoto che lo condurrà alla ricerca di risposte.
Mi sono lasciata affascinare dalla cultura legata ai sacerdoti: i Misteri, le Proposizioni, l'Ispezione sono tutti elementi che ricordano un credo antico, oscuro ma dannatamente ammaliante.
I dettagli rendono una storia più concreta e vivida, e qui di certo non ne mancano. Sembra superfluo, ma ogni cosa descritta porta a provare maggiore angoscia. Un esempio lampante è il racconto narrato nel primo capitolo, che catapulta in un istante nel mood dell'intero libro. Fiaba e realtà, innocenza e depravazione. Una contrapposizione perfetta per determinare cosa nasconde il Regno.

Addentrarsi nel marcio e respirarne il fetore sempre più a fondo è stata un'esperienza assuefante che mancava ormai da molto tempo nelle mie letture e da cui non voglio più distaccarmi.

Per le grandi storie ci vuole cura, studio, impegno e passione. Sandro Ristori si dimostra all'altezza dei pezzi grossi del genere fantasy, entrando senza dubbio tra gli scrittori che non mi lascerò sfuggire, in futuro.


2 commenti:

Rosaria Sgarlata ha detto...

Con Il regno del Male Sandro Ristori ha dimostrato di non aver nulla da invidiare ai colossi oltre oceano. Era ora che il fantasy approdasse in Italia con una serie di tutto rispetto!

Chiara Ropolo ha detto...

speriamo di non dover attendere troppo il seguito

Posta un commento

I commenti sono energia positiva per il blog.

Se hai letto questo articolo e ti va di dirmi la tua opinione, scrivila qui sotto e mi aiuterai a crescere!

Regolamento (circa): La buona educazione è tassativa, nei miei confronti e in quella degli altri lettori. Potete scrivere liberamente la vostra opinione, ma senza sfociare in argomentazioni becere e indecorose.
Rispettate questa semplice norma di buon senso e saremo tutti amici!

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...