lunedì 19 marzo 2018

Review Party: Recensione di "Red Sparrow" di Jason Matthews



« Guardò il soffitto ma il cielo era spento. Dov'erano finite le stelle? Ciò che vide fu un angelo sterminatore. All'inizio fu solo un riflesso sfocato sui pannelli di vetro. Poi il riflesso divenne un'ombra che calò leggera sul letto sfiorando ogni specchio come mercurio nero, riflessa mille volte. »

Russia e America sono state protagoniste di diverse operazioni di spionaggio, specie in eventi che sono letteralmente entrati a far parte della storia mondiale. Eppure, anche dopo la Guerra Fredda, è tanto palese la tensione che ancora esiste quanto le operazioni che, in segreto, vengono attualmente portate avanti. Probabilmente, nessuno saprà cosa si nasconde dietro alle grandi potenze.

Dominika e Nate sono spie addestrate che operano su fronti opposti: competono, si sfidano, ma al contempo si attraggono in più occasioni. Entrambi professionisti, entrambi reduci da esperienze che li hanno segnati nel profondo e condotti verso una vita di segreti, manipolazioni e pericoli.
Fredda ma focosa, calcolatrice ma impulsiva, Dominika sopprime un sogno infranto per far posto ai "giochi" dello zio, rimanendo incastrata in qualcosa impossibile da gestire. In questo, la donna sfrutta il dono che l'accompagna fin da bambina per avere successo nelle missioni, affermandosi nel suo settore e facendosi temere dai più. Diventa così una Sparrow, all'inseguimento di un uomo che altro non deve essere, se non l'acerrimo nemico da abbattere. 

Ma come in ogni situazione, i ruoli possono invertirsi e chi manipola può divenire il manipolato. Il rapporto tra Nate e Dominika si basa sulla conoscenza, sullo studiarsi lentamente, imparare dal comportamento dell'altro. Le certezze della donna si incrinano, la concentrazione dell'uomo sembra annebbiarsi. 
Nell'arte della macchinazione c'è solo un difetto: l'essere umano non agisce come una macchina. I sentimenti nascosti emergono, per infastidire e per far osservare la situazione da un punto di vista differente. Anche quando in ballo ci sono i rapporti internazionali, nulla può andare alla perfezione. Il rischio è sempre dietro l'angolo, maligno, per smuovere gli equilibri precari e per creare nuovi eventi che, come in passato, possono creare la storia del futuro.

Ciò che tiene incollato alle pagine, nonostante una narrazione lenta ma dettagliata, è comprendere fin dove l'autore vuole spingersi: da esperto quale è, Matthews ha scritto una storia realistica ed originale, che dà un nuovo contributo al genere delle spy stories, delineando una porzione di mondo più simile a quella che potrebbe essere effettivamente. Ogni dettaglio, analizzato, è essenziale per comprendere il comportamento di Nate e Dominika e avere lo strumento giusto per seguirli dall'inizio alla fine. Si percepisce il divertimento dello scrittore nel muovere i personaggi come burattini sotto il suo controllo, portandoli a tradire, allearsi, soffrire e provare sollievo. Il lettore rimane disorientato, non può prevedere i fatti che accadranno finché questi non si palesano. Ciò che i protagonisti devono affrontare è un mistero, l'esito è possibile conoscerlo solo andando avanti, fino all'ultimo capitolo.

"Red Sparrow" è un libro ben riuscito, che spero possa sorprendermi anche trasposto sul grande schermo.





0 commenti:

Posta un commento

I commenti sono energia positiva per il blog.

Se hai letto questo articolo e ti va di dirmi la tua opinione, scrivila qui sotto e mi aiuterai a crescere!

Regolamento (circa): La buona educazione è tassativa, nei miei confronti e in quella degli altri lettori. Potete scrivere liberamente la vostra opinione, ma senza sfociare in argomentazioni becere e indecorose.
Rispettate questa semplice norma di buon senso e saremo tutti amici!

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...