venerdì 16 marzo 2018

Review Tour: Recensione di "Osservatore Oscuro" di Barbara Baraldi



« "Lei mi sembra una brava persona. Non come certa gente, che non ha alcun rispetto per coloro che riposano tra queste mura. Ma si ricordi, ci sono diversi tipi di angeli, e alcuni non hanno niente di celestiale." Una breve pausa. "È l’angelo della morte, quello che troverà laggiù." »


Non sempre le cose vanno come vorremmo.
Questo è ciò che si ripete Aurora: non ha chiesto lei di avere quel proiettile piantato nella testa, né tanto meno di assistere alla danza tra la vita e la morte. Desidera solo pace ed equilibrio, in Sparvara sperava di trovare tutto questo e molto altro. Ma il suo lavoro, ciò che la qualifica, sembra essere diventata una maledizione. L'incubo del Lupo Cattivo era soltanto l'inizio, ma in quella notte di quattro mesi dopo, al cimitero di Certosa, i mostri ricominciano a sussurrare, viscidi, agli angoli della sua mente. Non se ne sono mai andati e mai andranno via davvero. 
Nei propri occhi, Aurora stampa l'immagine del proprio riflesso, scritto a caratteri indelebili sul ventre della vittima per cui è stata chiamata ad indagare. I suoi colleghi la osservano, tra la pietà, lo sgomento e il sospetto. La mente umana è labile, tanto da trasformare la fiducia in colpevolezza: la donna, che non sa interpretare la sua, di mente, inizia una battaglia diretta contro le accuse ingiuste, mentre c'è chi la osserva nell'ombra e che si diverte nel vederla incastrata in eventi architettati in maniera sopraffina, solo per lei. Per vederla cadere nel buio, ancora. 

Il lettore è esso stesso un osservatore oscuro, che dall'alto segue Aurora in questa nuova indagine. Nessuno sa dove gli eventi porteranno e a quali scoperte gli occhi saranno costretti ad assistere. Eppure, non c'è repulsione, ma un desiderio primordiale di proseguire la lettura. Perdersi nell'imprevedibilità ha un lato affascinante, specie quando si ha la sicurezza che c'è una logica e un piano dettagliato su cui tutto si basa. Non serve comprendere questo, ma lasciare che i pezzi affiorino sulla superficie della mente e il quadro si completi all'ultimo, senza avviso, stampandosi nella realtà prima ancora che ci si possa rendere conto.
"Aurora nel buio" e "Osservatore oscuro" sono opere che incutono timore, sia per l'atmosfera thriller che per la mole di pagine da cui sono composti. Barbara Baraldi, però, si dimostra ancora una volta un'abile tessitrice di storie, porgendo la propria immaginazione al servizio di tutti senza lasciare delusione o affaticamento, ma vittime soddisfatte di aver intrapreso avventure tanto coinvolgenti  e dinamiche quanto cupe e drammatiche.


TAPPE:






0 commenti:

Posta un commento

I commenti sono energia positiva per il blog.

Se hai letto questo articolo e ti va di dirmi la tua opinione, scrivila qui sotto e mi aiuterai a crescere!

Regolamento (circa): La buona educazione è tassativa, nei miei confronti e in quella degli altri lettori. Potete scrivere liberamente la vostra opinione, ma senza sfociare in argomentazioni becere e indecorose.
Rispettate questa semplice norma di buon senso e saremo tutti amici!

Condividi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...